LE ARANCE DI JALARI VANNO A SCUOLA

Quando il nostro amico Giovanni Vitiello ci ha coinvolti in un progetto rivolto ai bambini di una scuola elementare di Scafati, abbiamo accolto la sua idea con grande entusiasmo ed abbiamo deciso di mandare le nostre arance “a scuola”.

Ma per capire meglio il progetto, lo facciamo spiegare direttamente a Giovanni.

“Gaia mi tiene” è un progetto dedicato ai bambini delle secondi classi del IV Circolo Didattico Scafati “Carolina Senatore” la IIª A e la IIª B. Oggi Gaia, ha portato in classe qualcosa di speciale. L’obiettivo era sottolineare l’importanza della condivisione, dell’amore per la terra e del valore del cibo “buono” e ci siamo riusciti alla grande e per questo, sento il dovere di ringraziare l’azienda agricola biologica AgriBio Jalari composta da Pietrini Salvatore del Parco Museo Jalari e suo figlio Sebastiano Pietrini che si sono offerti di voler donare un’arancia per ogni bambino.

Gaia sta lavorando mettendo in circolo energia, con la speranza che questo “messaggio” arrivi un po’ a tutti.

Abbiamo bisogno di una società migliore, che impari a sognare, che accenda una speranza e la plasmi affinché diventi realtà.

I bambini durante il progetto oggi, hanno potuto stimolare i loro sensi attraverso un percorso sensoriale, hanno poi ascoltato con piacere il racconto che io stesso ho scritto per loro, hanno degustato un’ottima premuta di arance biologiche siciliane, hanno imparato a utilizzare lo “scarto” come “risorsa” -in maniera più specifica- recuperando la polpa delle arance per essiccarla in modo da ottenere delle chips di arancia o delle semplici sfoglie da utilizzare tal quali o da ridurre in farina.

Come si è svolto il progetto

Grazie all’idea dell’Insegnante Lucrezia Rivelio, i bambini hanno lavorato su una scheda di apprendimento basata sui 5 sensi, “Usiamo i 5 sensi”.

Una scheda semplice, pulita ma soprattutto efficace, efficace in quanto i bambini, hanno visto, toccato e odorato le arance oltre chiaramente ad assaggiarle. Hanno ricevuto inoltre, una tavola con disegni da colorare, ritagliare ed incollare al posto giusto.

Abbiamo consegnato a tutti i bambini un sacchetto per alimenti con 2 piccoli pezzetti di polpa di arancia essiccata a bassa temperatura. L’idea di mandare a casa le “chips” di arancia (ovvero i pezzetti di polpa essiccata) è quella di coinvolgere ed interessare le famiglie affinché si possano attuare “anche a casa” pratiche sostenibili sia per l’essere umano che per la Terra -ricordando- che la Terra è l’ambiente in cui viviamo e che noi stessi siamo “ambiente”.

Gli “scarti” sono pur sempre una risorsa e si possono utilizzare in tanti modi, dalle sfoglie ai dolci, dalle farine agli impasti e molti si possono aggiungere anche in tè e tisane.

In ultimo la parte più emozionante per i bambini (e non solo), è stato il collegamento per mezzo di una videochiamata con i nostri AMICI dalla Sicilia, più precisamente da Barcellona Pozzo di Gotto, infatti, Salvatore e Sebastiano Pietrini dell’azienda Agribio Jalari che produce agrumi biologici, si sono messi in contatto con noi per complimentarsi con i nostri bambini e per incoraggiarli a continuare in questo progetto che tanto si dedica alla Madre Terra.

I consigli di Salvatore Pietrini in particolare sono stati quelli di un padre che amorevolmente si rivolge ai propri figli. Sebastiano Pietrini seppur a distanza e dal piccolo schermo ci ha mostrato, insieme a suo padre, i campi da loro coltivati, le piante di melograno, il nespolo, i limoni e le arance. Salvatore ha invitato i bambini a piantare un proprio albero e imparare ad averne cura.

I bambini sono rimasti sorpresi, affascinati: vedere quest’uomo con suo figlio in un video youtube, ascoltare il racconto scritto per loro e poi vederli in una videochiamata, ha reso tutto reale, hanno toccato con le loro mani un momento magico, un momento che appartiene solo a loro.

Grazie bambini, Grazie scuola, Grazie Agribio Jalari